love_parade.jpg 

Si terrá sabato prossimo la Love Parade, il piú grande raduno techno-house d´Europa. Simbolo di una generazione messa in discussione, ma mai ben analizzata e studiata fuori dai soliti preconcetti da quattro soldi.

É la prima edizione del dopo rottura tra gli organizzatori dell´evento e il Comune di Berlino. Appuntamento quindi per quest´anno a Essen, nel cuore dell´industriale Ruhr, mentre il programma dei prossimi anni prevede trasferimenti a Dortmund (2008), Bochum (2009), Duisburg (2010) e Gelsenkirchen (2011).

Invece che mettere all´indice e scatenare le retate della polizia contro rave e raduni musicali di questo genere – come accaduto anche di recente in Italia a Pinerolo – in Germania gli organizzatori riescono a trovare ospitalitá e sostegno dalle stesse amministrazioni locali, evitando cosí problemi di ordine pubblico e di sicurezza. Arrivati alla rottura con la Cittá di Berlino, i promotori della Love Parade (qui un blog fotografico ad essa dedicato) hanno avuto solo l´imbarazzo della scelta nel cercare altre cittá ospitali: trattative furono aperte con Colonia, Lipsia, Stoccarda, anche con qualche rumors fuori dai confini tedeschi, nella placida Svizzera. Anche perché il business attorno a una simile manifestazione é assai considerevole: solo nella scorsa edizione si sono contati un milione e 200 mila visitatori, con il record assoluto di presenza di un milione e mezzo toccato nella Love Parade del 1999.

Sarei stanco di dover affermare: “Se gli italiani imparassero un po´ dai tedeschi, ma anche da altri popoli europei”, ma di fronte a simili esempi é difficile pensare il contrario.

Tags Technorati

Annunci