Lo sappiamo tutti, il rapporto tra la stampa quotidiana italiana e il web é ancora tiepidino. A parte i casi di Repubblica.it, Corriere.it e La Stampa.it, l´interazione tra prodotto cartaceo e offerta in Internet non é ancora a livelli di quella disponibile in altri Paesi. Ancor piú triste la situazione tra le cosiddette testate “di area”, e se prendiamo quelle riconducibili alla destra o comunque al fronte politico moderato, dobbiamo prendere atto come gli editori investano poco o nulla su questo fronte.

Tra questi, il Giornale, pur essendo arrivato in tremendo ritardo rispetto alla concorrenza nell´allestire una redazione ad hoc e rendere piú appetibile la versione on line del quotidiano, puó invece vantare il primato di sbarcare, primo tra i quotidiani italiani e con pochi esempi esteri, su Second Life (qui lo speciale). Per il battesimo sul cosiddetto “mondo parallelo” saranno disponibili tre diverse mostre: una proiezione di photostory e video realizzati dalla redazione web del Giornale.it, una rassegna delle prime pagine «storiche», dalla fondazione, nel 1974, a oggi, e una selezione di vignette di Forattini. Un modo per ripercorrere la storia non solo del Giornale ma di oltre trent’anni di avvenimenti.

Personalmente segnalo questo approdo come il terzo capitolo della vita del quotidiano milanese. Il primo, quello al quale rimango legato da affetto e ammirazione, rimane quello che va dal 25 giugno 1974 al gennaio 1994, ovvero quello della fondazione e della gestione di Indro Montanelli. Il resto é robetta del passato recente e dell´attualitá. Ma ve lo vedete l´avatar di Montanelli aggirarsi nel mondo virtuale di Second Life?

Tags Technorati

Annunci