Dunque Confindustria metterá fuori dalla porta quegli industriali che si piegheranno alla volontá della mafia, pagando il pizzo e alimentando di conseguenza la malavita organizzata. Addirittura c´é chi parla di “linea dura“, mentre il premier Prodi applaude alla scelta fatta dalla piú importante associazione di categoria degli imprenditori. Invece di aiutare i colleghi in difficoltá che vogliono lavorare e investire nel sud Italia, Montezemolo & Co. pensano a inutili operazioni di immagine. Ma perché invece Confindustria non decide di sbattere fuori quei colleghi che continuano a pagare tangenti a politici e funzionari pubblici pur di vincere appalti?

Annunci