Italy goes to Eurovision

Lascia un commento

La notizia era inaspettata, ma senza dubbio piacevole. L´Italia, dopo tredici anni di “latitanza”, prenderà parte il prossimo mese di maggio all´Eurofestival, in programma a Düsseldorf.

La kermesse musicale, che ogni anno attrae l´attenzione di milioni di appassionati in tutta Europa – con picchi di vero e proprio fanatismo da stadio in Germania e nei Paesi balcanici e dell´ex blocco orientale – da tanti anni era snobbata dall´industria musical-televisiva italiana, rinchiusasi entro i confini nazionali di Sanremo e del fu Festivalbar.

Ora la piacevole svolta. Il prossimo anno Eurovision si terrà in terra tedesca, secondo la regola del “chi vince si porta a casa l´edizione successiva”: quest´anno, ad Oslo, fu infatti la giovanissima Lena a conquistare il primo posto, con il brano Satellite. Una vittoria che rese la Germania orgogliosa quasi quanto una vittoria dei mondiali di calcio.

L´Italia vinse due edizioni dell´Eurofestival: nel 1964 grazie a Gigliola Cinquetti, e nel 1990, con Toto Cutugno e la sua Insieme: 1992.

L´origine del Tiramisù? Che casín…

2 commenti

Se ne è andata ieri Speranza Bon, e con lei forse la veritá sull´origine del Tiramisù.

Tante le “appropriazioni” sulla nascita di questo dolce tanto rinomato nel mondo: da Siena a Piemonte, fino ad attraversare l´Atlantico, così numerose da arrivare a mettere in discussione pure l´originalità del prodotto. Ma la tesi più accreditata circa l´origine del dolce rimane quella veneta anzi, trevigiana.

Sarebbe stata Speranza Bon ad ideare la ricetta base del Tiramisù o, quantomeno, a mettere mano certa alla scelta e alla quantità degli ingredienti che lo strutturano. Così scrive oggi il Gazzettino:

Speranza Bon era nata a Farrò di Follina da una famiglia che gestiva un negozio di alimentari (iniziando a lavorare giovane dietro il bancone) e la macelleria a Follina. Passare, per lei, dal mondo dell’alimentazione a quello della ristorazione è stato facile tanto da aprire, negli anni Cinquanta, a Pieve di Soligo, la “Locanda Alla Posta” (che oggi non esiste più) dove il primo cuoco fu un certo Lino salito poi alla ribalta con la “Locanda da Lino”.
      Da Pieve di Soligo Speranza Bon nel 1956 giunse a Treviso dando vita al mitico ristorante “Al Camin”, alle Stiore, altro ambiente che non c’è più, per passare poi, dalla parte opposta della strada Ovest, all’albergo ristorante Al Fogher oggi gestito dal figlio Gianni. E “Al Camin”, fucina di vari cuochi e dove iniziò a lavorare un altro mito della ristorazione come Celeste Tonon, Speranza Bon creò la ricetta del dolce “Coppa Imperiale”, e che Ada Campeol delle Beccherie tramutò in “Tiramisù” tanto da giocarsi la maternità del gustosissimo dessert.

Tutto bene, anche se rimane pure aperta la strada del “dolce del peccato”, nato nei casini di Treviso, quindi difficilmente rintracciabile nei trattati di gastronomia.

Ciao Gigi

10 commenti

gigi_vescovi Treviso non è piú la stessa da un bel pezzo, purtroppo.

Ma tutti quelli che hanno respirato l´aria della Treviso giovane, pura, sincera e stramaledettamente figlia di buona donna, da ieri vivono un ulteriore vuoto.

Ciao Gigi, tutti noi ti dobbiamo molto, e Treviso ti deve ancora di piú.

Elezioni in Sardegna

Lascia un commento

Domani si vota in Sardegna.

Schiaffo alla crisi, apre il nuovo Porsche Museum

Lascia un commento

porsche1

In effetti la data era prevista da diversi mesi, quando di vacche magre se ne vedevano ancora poche. Ma l´inaugurazione del nuovo museo della Porsche in questo momento ha tutto il fascino del voler dare uno schiaffo bell´e buono all´imperante crisi del settore automobilistico.  Vuoi per il desiderio di rimboccarsi le maniche e cercare una via di fuga da questa tremenda fase negativa che investe i mercati globali (e che per la Germania costituisce un vero e proprio colpo al cuore, caratterizzato proprio dal settore delle quattro ruote), vuoi per la stessa allure che, da oltre sessant´anni, riveste la prestigiosa casa automobilistica di Zuffenhausen, Stoccarda, nell´immaginario collettivo.

Centro milioni di euro investiti in un´opera che si espande su 5.600 metri quadrati di superficie, e pesante 35 mila tonnellate. E ancora, circa 550 giornalisti, la metá dei quali provenienti dall´estero, accreditati per la conferenza stampa di inaugurazione dell´esposizione storica della Porsche. Un museo che giunge dopo quelli di Volkswagen, Mercedes- Benz e Bmw, ma che di certo non resterá nelle retrovie per numero di visitatori, visto appunto il fascino che da sempre questa casa automobilistica offre al suo pubblico.

L´inaugurazione é per sabato 31 gennaio, alle ore 9.00, qui il link al sito ufficiale.

Luca Toni con la ex di Becker, è amore?

1 commento

Luca Toni e Sandy Meyer-Wölden (foto Abendzeitung)

Luca Toni e Sandy Meyer-Wölden (foto Abendzeitung)

Questa volta il colpaccio lo ha messo a segno Abendzeitung, il quotidiano Boulevard diretto concorrente del ben piú famoso Bild Zeitung in quel di Monaco di Baviera.

Da una parte Luca Toni, il nostro campione attualmente portabandiera del Bayern München, dall´altra parte Sandy Meyer-Wölden, splendida fanciulla salita agli onori delle cronache vipparole in quanto fugace amore di Boris Becker.

Fotografo e reporter del giornale bavarese li hanno ritratti al Golf Club Eichenheim, in quel di Kitzbühel, nel corso di una festa. Le foto sinceramente non offrono nulla di intimo o di particolarmente “piccante”: quattro chiacchiere di fronte a un cocktail, e soprattutto di fronte a moltissimi testimoni, vista l´occasione in cui i due sono stati ritratti.

articolo si spingerebbe oltre, dando dovizia di particolari su altri rendez vous tra i due in altri locali della scena “in” di Monaco. Tanto da spingere oggi il quotidiano tedesco a sparare la notizia in prima pagina “Was läuft da mit Sandy?” (Che succede con Sandy?) e parlando esplicitamente di “nuovo amore”. Si sa, gli ingredienti in caso di effettiva love story, ci sarebbero tutti. In primo luogo Luca Toni, recentemente nominato da Novella 2000 come l´uomo italiano piú sexy (particolare riportato pure da Abendzeitung), e super campione in terra tedesca. In secondo Sandy Meyer-Wölden, per alcuni mesi data come futura moglie dell´ex campione di tennis Boris Becker.

Marta Cecchetto

Marta Cecchetto

E senza dimenticare il terzo ingrediente del gossip teutonico: Marta Cecchetto, l´altrettanto bella compagna di Toni, che molte copertine – e relativa attenzione – da parte dei media tedeschi, ha raccolto in questi ultimi mesi.

Sará tutto vero?

Sissi, la principessa di noi comuni mortali

1 commento

Martedí 23 Romy Schneider compirebbe 70 anni. Da ventisei anni purtroppo l´attrice austriaca non é piú tra noi, prematuramente scomparsa a 43 anni, ma in Germania il ricordo per questo mito del cinema rimane tutt´ora immutato. Oggi l´edizione domenicale della Bild Zeitung si avventura in uno di quei maledetti fotoritocchi che tanto oggi vanno di moda, immaginando la nostra principessa Sissi ai nostri giorni. Piú meritorio invece il ritratto che le offre il quotidiano Die Welt.

Ricordiamola come una donna straordinariamente affascinante, brillante nella vita quanto tormentata negli affetti e nei sentimenti piú profondi. Un´icona di quella che rimane la vita dei nostri giorni, fatta di successi, sorrisi, ma anche di tanti risvolti negativi, e a volte dolorosi.

Older Entries

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: